Allattamento cosa non mangiare per evitare coliche e avere più latte?

Allattamento cosa mangiare e cosa no, aver più latte e evitare coliche, dieta per la mamma cibi che si possono assumere e quelli vietati, cosa bere liquidi

Commenti 0Stampa

L'allattamento al seno è un metodo naturale di alimentazione per il neonato molto importante, perché gli garantisce una crescita sana e una difesa immunitaria contro le malattie.

Molti studi clinici hanno dimostrato, infatti, che il latte materno da solo, è il nutrimento ideale per i bambini fino ai 6 mesi di vita ma anche oltre, tanto che dal 1991 l'allattamento al seno è oggetto di una importante campagna di informazione mondiale promossa dall'Unicef e dall'OMS.

Vediamo quindi gli alimenti che è meglio mangiare ed evitare per garantire al neonato tutti i nutrienti, cosa si può bere e cosa no, quali sono i cibi che aiutano a ridurre la stipsi nella neomamma, per evitare le coliche del neonato e per avere più latte.

 

Allattamento cosa mangiare e cosa no?

Durante l'allattamento la mamma non deve seguire una diete specifica in quanto è sufficiente seguire un 'alimentazione bilanciata e sana.

Ci sono comunque piccoli consigli da seguire su cosa mangiare e cosa no.

Ad esempio la neomamma deve garantire al bambino tutti i nutrienti che gli servono per crescere sano e preservarlo dall'attacco di eventuali malattie, per cui la dieta della mamma in allattamento deve essere ricca di proteine, frutta e verdura, calcio, ferro e sali minerali.

Allattamento cosa mangiare: la mamma che allatta al seno può mantenere il regime alimentare abituale purché ricco di alimenti buoni, ossia, proteine, frutta e verdura con circa 500 calorie in più al giorno e 17 grammi di proteine in più garantite assumendo latte, latticini e frutta al posto dei carboidrati.

Un esempio perfetto di possibili alimenti da aggiungere quotidianamente alla dieta della mamma sono 250 cc di latte parzialmente scremato, 30 grammi di parmigiano stagionato o 1 vasetto di yogurt intero e 500 grammi di frutta mista fresca di stagione, fatta eccezione per le fragole che è meglio evitare.

Secondo le tabelle ufficiali delle Commissione della Comunità Europea, la mamma deve garantire al bambino il giusto fabbisogno energetico espresso in base alla seguente tabella 1:

Allattamento al senoQuantità di latteDispendio energeticoEnergia da perdita peso della donnaFabbisogno supplementare 
da 0 a 1 mese680 ml/giorno570 Kcal/giorno120 kcal/giorno450 kcal/ giorno
da 1 a 2 mesi780662120532
da 2 a 3 mesi820685120565
da 3 a 6 mesi750687120507

 

Nella tabella 2 della Commissione della Comunità Europea, sono invece definitivi i livelli di assunzione giornalieri raccomandati di nutrienti per le mamme italiane definiti dal programma L.A.R.N.: Proteine 70 grammi, Acidi grassi essenziali W6 5,5 grammi al giorno e W3 1 grammo al giorno. Calcio 1200 mg, Fosforo 1200 mg, Potassio 3100 mg, Ferro 18 mg, Zinco 12 mg, Rame 1,5 mg, Selenio 70 mg, Iodio 200 mg, Tiamina 1,1 mg, Riboflavina 1,7 mg, Niacina 16 mg, Vitamina B6 1,4 mg, Vitamina B12 2,6 mg, Vitamina C 90 mg, Folati 350 mg, Vitamina A R.E. 950 mg e Vitamina D 10 mg al giorno.

Allattamento cosa non mangiare? Durante l'allattamento la mamma deve evitare gli alimenti che potrebbe causare delle allergie a lei e al bambino. I cibi da non mangiare sono nello specifico quelli ricchi di istamina o istamino liberatori presenti nelle arachidi e nella frutta secca, nei crostacei e nei molluschi, nella cioccolata e nelle fragole, nella selvaggina e nei dadi per il brodo, negli alimenti coon conservanti e nei formaggi fermentati. Inoltre sono da evitare cibi troppo piccanti e tutte le spezie quindi non si possono assumere peperoncino, pepe, noce moscata, curry o paprika e alimenti come cipolle, aglio, asparagi, cavoli, carciofi, funghi in quanto fanno assumere un gusto sgradevole al latte materno.

 

Allattamento cosa bere e cosa no?

Cosa bere durante l'allattamento e cosa no? Importantissimo poi durante l'allattamento, è assumere grandissime quantità di liquidi, quindi almeno 2 o 3 litri di acqua al giorno che deve essere di tipo oligominerale e iposodica, facendo particolare attenzione alla concentrazione di nitrati che non deve superare i 10 mg/l.

Per quanto riguarda gli altri tipi di liquidi, possono essere assunti attraverso brodi vegetali o di carne che deve essere rigorosamente sgrassata, succhi di frutta fresca, latte, centrifughe ecc.

La mamma che allatta non può bere superalcolici e deve limitare l'assunzione di caffè a non più di due tazzine giorno, ad 1 bicchiere di vino o di una di birra piccola al giorno, importante poi evitare di fumare.

 

Dieta allattamento mamma: cura e prevenzione stipsi

Durante l'allattamento come in gravidanza, la mamma può essere soggetta ad episodi di stipsi con difficoltà di andare al bagno, per curare e prevenire questo sintomo è necessario che la donna assuma tante fibre. La quantità di fibre raccomandate al giorno è di 30-35 g/die, valore che solitamente viene raggiunto con una semplice dieta varia e bilanciata costituita da cereali integrali, ortaggi, legumi, frutta e verdura, proteine, vitamine e sali minarali e tantissima acqua. Per evitare la stipsi la futura e la neo mamma, devono poi condurre uno stile di vita sano fatto di esercizio fisico, come una passaggiata all'aria aperta, e una corretta alimentazione, che insieme sono alleati ottimi contro l'eccessivo accumulo di grasso e di chili superflui. Si ricorda infatti che la gravidanza e l'allattamento se condotti con una dieta ipercalorica, possono provocare l'insorgere o l'aggravamento di malattie come il sovrappeso e l'obesità, il diabete e disturbi cardiovascolari, pressione alta ecc.

 

Allattamento al seno cosa mangiare per avere più il latte?

Durante l'allattamento al seno la mamma può mangiare alcuni cibi specifici per avere più latte. Gli alimenti che sono in grado di stimolare la produzione di latte materno e nello specifico stimolare l'omone della prolattina e dell'ossitocina sono: asparagi, patate dolci, finocchi, albicocche, prezzemolo, birra scura perché contiene il luppolo, carote, fagiolini, crescione e piselli.

Le sostanze, gli alimenti, i farmaci e prodotti fitoterapici che devono essere moderati se non ridotti, perché possono avere un'azione anti-galattogena, ossia, ridurre la produzione di latte, sono la menta, la salvia, il cavolo, farmaci antistaminici e diuretici, la pillola anticoncezionale, podotti a base di efedrina ma anche la caffeina. La caffeina, infatti, agisce sulla mamma riducendo la produzione di latte e sul bambino  sulla componente nervosa con irrequietezza e mancanza di sonno.

 

Allattamento cosa mangiare per evitare coliche neonato?

Cosa mangiare per evitare le coliche nel neonato: Sebbene non ci siano studi clinici che correlino i cibi assunti dalla madre nella fase di allattamento al seno alle coliche nel neonato, è comunque consigliato dagli esperti di seguire una dieta bilanciata che sia ricca di tutti i principali nutrienti e nello specifico di frutta e verdura, abbinata ad una dieta povera di grassi.

Tuttavia, un'alimentazione sana senza alimenti che possano provocare allergie nel neonato come uovo, fragole, frutti di mare, frutta secca e legumi può aiutare ad evitare le coliche neonatali.

COPYRIGHT RIMEDISALUTE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Le informazioni riportate negli articoli del sito RimediSalute.it non devono essere considerate sostitutive al parere medico-specialistico. Si raccomanda pertanto di consultare sempre il proprio dottore di fiducia per un attenta e precisa diagnosi dei sintomi e dei rimedi.
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti