Camminare fa dimagrire e fa bene alla salute: 10.000 passi al giorno

Fare 10 mila passi al giorno aiuta a stare bene cuore, muscoli, colesterolo, schiena camminare per 2 ore tutti i giorni fa dimagrire circa 450 calorie

Commenti 0Stampa

Camminare è una delle attività fisiche più semplici ed economiche che ogni persona ha disposizione tutti i giorni della sua vita.

Non a caso, l'OMS, Organizzazione mondiale della Sanità tempo fa ha promosso un'iniziativa molto importante chiamata “10.000 passi al giorno” per stare bene con il cuore, la pressione, i muscoli e per dimagrire.

 

Camminare fa bene alla salute?

Si, camminare 2 ore al giorno anche se non consecutivamente fa benissimo alla salute, l'obiettivo infatti sono i 10.000 passi al giorno che corrispondo a 6 - 7 km al giorno che possono, oggi, essere facilmente contati grazie alle tante app a disposizione per gli smartphone. 

Oltre ad essere un'attività fisica facile da seguire, il camminare rappresenta anche un'ottima scusa per stare all'aria aperta, magari in compagnia di amiche e amici anche a 4 zampe e non importa se andiamo piano o veloce, perché ciò che è veramente importante è muoversi.

Molti studi clinici, hanno infatti dimostrato che passeggiare ad una velocità costante, aiuta a far diminuire i livelli di colesterolo cattivo nel sangue aumentando quello dell'HDL ossia, il colesterolo buono. Inoltre, aiuta ad abbassare la pressione sanguigna contrastando i problemi e le patologie cardiovascolari, a mantenere e aumentare la tonicità muscolare e a dimagrire. 

Passeggiare per un’ora a 4 km all’ora, fa bruciare tra le 100 e le 200 calorie e almeno 6 grammi di grasso, se si aumenta anche di poco la velocità a circa 6 km/h, si bruciano più calorie in minor tempo, si consumano più carboidrati e circa 3 grammi di grasso.

 

Camminare fa bene alla schiena, cuore, ai glutei e alla cervicale:

Passeggiare, camminare in posizione eretta, correre sono tutti movimenti innati nell'uomo, tanto da essere acquisiti spontaneamente dagli esseri umani già d molto piccoli. Ma se la corsa può presentare qualche rischio per chi ha problemi dal punto di vista osteo-artro-muscolare, il camminare non ha controindicazioni e può essere eseguito anche da chi ha per esempio un mal di schiena cronico o la cervicale.

Anzi passeggiare, come dicevamo anche nel paragrafo prima, aiuta a migliorare il tono muscolare delle gambe, cosce e glutei e a mantenere elevato il grado di elasticità dei legamenti e dei tendini, tutto questo fa si che le ossa rimangano ben salde e protette, riducendo il rischio di osteoporosi, classica patologia legata all'età avanzata e al deterioramento del tessuto osseo. 

Per quanto riguarda i benefici del camminare sul sistema cardiocircolatorio, è scientificamente provato come questo apparato in un camminatore abituale, sia più grosso rispetto a quello di una persona sedentaria, proprio perché praticando questa attività, il soggetto ha bisogno di una maggiore quantità di sangue ma una minore pressione per affrontare lo sforzo, per cui diminuisce la pressione arteriosa e le pareti dei vasi sanguigni diventano più elastiche, scongiurando così il rischio di infarto o ictus.

Riguardo l'apparato respiratorio, il camminare fa rafforzare i muscoli intorno alla cassa toracica e ciò permette ai polmoni di espandersi, aumentando la portata di ossigeno e diminuendo il ritmo della respirazione, che diventa quindi più lenta ma con più ossigeno, portando così giovamento a cuore, fegato, reni e stomaco.

 

Quanto bisogna camminare per dimagrire? Calorie:

Secondo lo slogan della campagna organizzata qualche anno fa dall’Organizzazione mondiale della sanità, per stare occorre percorrere 10.000 passi al giorno. Ora il conteggio, va fatto in tutto l'arco della giornata da quando ci alziamo a quando andiamo a dormire. In altre parole, per stare bene e avere benefici sulla salute bisognerebbe percorrere dai 6 ai 7 km al giorno. 

Si ok, sembrano tantissimi ma in realtà non è così perché considerando il lavoro in casa spolverare, passare l'aspirapolvere, portare fuor il cane o la spazzatura, guardare le vetrine dei negozi in un centro commerciale, si percorrono senza averne la percezione circa 5.000 passi che corrispondo già a 3 km e mezzo.

Per cui l'obiettivo 10.000 passi oltre che ad essere raggiungibilissimo è anche alla portata di tutti, anche per i sedentari più incalliti che devono compiere solo uno sforzo in più rispetto ai loro soliti 2.000 - 2.500 passi al giorno. In questo caso però, anche aggiungere solo 500 metri in più, è già possibile beneficiare di piccoli progressi da punto di vista della salute. 

Le indicazioni generali su quanto e come camminare, ovviamente dipendono da vari fattori quali l'età, obesità, patologie pregresse o croniche ecc, quindi sarebbe opportuno prima di dedicarsi a qualsiasi tipo di attività fisica consultare il proprio medico di fiducia per misurare i parametri vitali.

Diciamo comunque che in linea generale ecco quanto bisogna camminare per dimagrire o stare semplicemente bene:

  • Persone normopeso con meno di 65 anni: dovrebbero camminare, correre o andare in bicicletta almeno 3 o 4 volte a settimana per circa 35-60 minuti.

  • Persone oltre i 65 anni: devono camminare o andare in bicicletta  tre o quattro volte a settimana per circa mezzora.

  • Persone in sovrappeso: dovrebbero camminare per circa 1 ora 5 o 6 volte a settimana.

COPYRIGHT RIMEDISALUTE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Le informazioni riportate negli articoli del sito RimediSalute.it non devono essere considerate sostitutive al parere medico-specialistico. Si raccomanda pertanto di consultare sempre il proprio dottore di fiducia per un attenta e precisa diagnosi dei sintomi e dei rimedi.
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti