Cervicale sintomi mal di testa, vertigini rimedi naturali dolore collo

La cervicale è un disturbo molto diffuso che colpisce il collo, spalle e braccia causa sintomi come mal di testa, vertigini e dolore, rimedi naturali dolori

Commenti 0Stampa

La cervicale nota anche con il nome medico cervicalgia è uno dei disturbi e fastidi più diffusi che si manifesta con dolore cronico che partendo dal collo si irradia fino a spalle e braccia.

Oltre al dolore, la cervicale si accompagna spesso anche con mal di testa, vertigini fino ad arrivare a provocare on alcuni soggetti, disturbi alla vista e all'udito.

 

Cos'è la cervicale?

La cervicale è un disturbo muscolo-scheletrico che compare soprattutto dopo i 40-50 anni a causa di vari fattori di rischio, comportamenti sbagliati o come sintomi di malattie più complesse come l'artrosi o l'ernia cervicale.

La cervicalgia si manifesta nella maggior parte dei soggetti con un dolore caratteristico che parte dal collo per arrivare a coinvolgere anche spalle, braccia e addirittura alle mani, impedendo così anche i movimenti più semplici.

Chi soffre di cervicale e di mal di testa da cervicale, purtroppo, convive per lungo tempo con questi sintomi che anche se non sono acuti rimangono sempre costanti per mesi se non per anni.

 

Quali sono le cause della cervicale?

Le cause della cervicale sono solitamente le contratture muscolo-scheletriche, quindi derivate o da un problema delle ossa della colonna vertebrale, oppure, dai tessuti molli: muscoli, vene, legamenti, nervi che sono ricoperti dal tessuto connettivo chiamato fascia. Tali fasce , infatti, scorrono per tutto il corpo con l'età o a causa di piccoli traumi, è possibile che possa esserci una  diminuzione della loro elasticità o che un nervo per esempio, possa fuoriuscire dal tessuto connettivo, e sfociare in cervicale. Generalmente le cause più comuni della cervicale sono: 

  • Comportamenti e stili di vita sbagliati: sedentarietà, alcuni sport che comportano un notevole sforzo muscolo-scheletrico specialmente a carico del collo, come il body building, la boxe, il salto in alto ecc., errata postura a lavoro e in relax.
  • Piccoli traumi come per esempio il colpo di frusta, un colpo di freddo, oppure, lesioni avute da bambini cadendo dalla bicicletta o dall'altalena.
  • Come conseguenza di ernia o artrosi cervicale, discopatie o iperlordosi lombare, ecc.
  • Alterazioni delle fasce che ricoprono i muscoli, tendini, nervi, legamenti che partono dal collo fino ad arrivare ai piedi.

I fattori che poi possono portare ad un aggravamento dei sintomi e dolore persistente nella regione del collo e delle spalle, possono essere materassi e cuscini non adatti al trattamento della cervicale, stress e ansia o una postura errata in ufficio o a casa quando si è alla scrivania o al computer, postura errata per chi passa molto tempo alla guida di auto, scooter o camion.

 

Sintomi cervicale mal di testa, vertigini, dolore al collo:

I sintomi più comuni che possono manifestarsi a causa della cervicale sono molti e si differenziano in base alla zona colpita da cervicalgia.

Sintomi cervicale classici sono: mal di testa, vertigini, dolore al collo, possibili disturbi della vista, dell'udito e della deglutizione,

Sintomi cervicale estesa anche a spalle e braccia: dolore acuto che parte dal collo fino alle spalle, braccia e mani, formicolio, debolezza e intorpidimento degli arti superiori che rendono difficili anche i più piccoli movimenti e la presa e tenuta degli oggetti più o meno pesanti.

Tutti questi sintomi, nello specifico il dolore persistente e costante può aggravarsi assumendo posizioni sbagliate durante il sonno o il lavoro, se poi il dolore è accompagnato da vomito, febbre, tremori si consiglia di rivolgersi immediatamente ad uno specialista per verificare se la cervicale è un sintomo di una patologia più grave.

 

Cervicale cosa fare?

Cervicale cosa fare? Innanzitutto, se si ritiene di soffrire di cervicale e se i sintomi come dolore al collo, spalla e braccia è persistente e dura da parecchio tempo, è bene consultare un medico specialistica in modo da avere la corretta diagnosi del disturbo.

Tale diagnosi, viene effettuata mediante TAC e risonanza magnetica per verificare la presenza di eventuali ernie e la salute dei tessuti, e radiografie per avere una valutazione della colonna vertebrale.

Accertata la presenza di cervicale, sulla base di questi stessi esami, lo specialista indica la terapia più adatta per trattare il tipo di cervicale consigliando una trattamento di tipo farmacologico, chirurgico, fisioterapico che che serve a ridurre l'infiammazione e il dolore, ginnastica posturale per correggere i danni provocati da posture errate e sedentarie e prolungare i benefici della fisioterapia.

 

Cervicale rimedi naturali efficaci:

Cervicale rimedi naturali efficaci: quali sono? Per il trattamento dei sintomi della cervicale ci sono molti rimedi naturali efficaci che possono essere utilizzati per ridurre lo stress e l'ansia che come sappiamo possono essere fattori di aggravamento del dolore.

Per cui molto indicati sono i rimedi naturali cervicale ad azione rilassante e distensiva come per esempio le tisane ad infusione di camomilla e valeriana che incidono sul rilassamento muscolo-scheletrico, la melissa e il tiglio perché hanno proprietà sedative e ansiolitiche.

Dal punto di vista topico, invece, un ottimo rimedio naturale contro il dolore causato dalla cervicale, sono le creme da applicare direttamente sulla zona colpita a base di arnica californiana dalle proprietà antireumatiche, analgesiche e antinfiammatorie che può essere acquistata anche sotto forma di olio essenziale da applicare con piccoli massaggi, utile sopratutto per eliminare eventuali contratture.

Fare poi degli impacchi di fiori di fieno aiuta ad alleviare il dolore e l'infiammazione di collo, spalle e braccia e a rilassare i muscoli del corpo. Mentre tra oli essenziali i più efficaci per i dolori cervicali sono quelli a base di lavanda e rosmarino, da applicare due o tre volte al giorno, attraverso l'automassaggio miscelando alcune gocce con olio di mandorle o di riso.

 

Cervicale dolore da aria condizionata:

Cervicale dolore da aria condizionata, ventilatore e finestrino: Con l'arrivo dell'estate e le temperature bollenti, si moltiplicano i casi di blocchi cervicali acuti e torcicolli per colpa dell'aria condizionata in macchina, a casa, nei negozi o supermercati.

La colpa però non è solo dell'aria condizionata ma anche del ventilatore, perché il getto diretto di aria fredda specialmente se si è accaldati o addirittura sudati, è un trauma anche per chi non soffre di cervicale, figuriamoci per chi convive con questa patologia tutto l'anno. Quindi per prevenire la cervicalgia o episodi acuti di torcicollo e cervicale, è bene fare attenzione a piccoli ma importanti dettagli:

1) stare attenti che il getto d'aria condizionata o del ventilatore sia puntato direttamente sul viso o sul collo specialmente se sudato. Questa brutta e consolidata abitudine, può infatti causare l'irritazione dei muscoli facciali e del nervi del collo, che possono dare origine a dei blocchi e e a dolori molto acuti tali da durare anche per settimane. Un'altra amara sorpresa potrebbe essere quella di essere colpiti al risveglio da una paralisi di una metà del volto, per colpa della cd. paralisi a frigore, che può durare anche per mesi e lasciare degli esiti sui muscoli facciali.

2) Guidare con il finestrino chiuso se si è molto sudati. Questo è il comportamento corretto per evitare che l'abitudine di guidare col finestrino aperto, possa essere molto dannosa in quanto potrebbe essere causa di blocchi acuti o cronici della faccia, del collo e della spalla esposti al vento. Tali accorgimenti, pertanto, vanno adottati sia da chi soffre già di cervicale e sia da chi ha avuto un periodo di sovraffaticamento dal punto di vista fisico e mentale, in quanto più sensibile a questo tipo di blocchi e paralisi da aria condizionata e vento.

COPYRIGHT RIMEDISALUTE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Le informazioni riportate negli articoli del sito RimediSalute.it non devono essere considerate sostitutive al parere medico-specialistico. Si raccomanda pertanto di consultare sempre il proprio dottore di fiducia per un attenta e precisa diagnosi dei sintomi e dei rimedi.
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti