Crema solare protezione totale e 50 estate 2016 come e quale scegliere

La crema protezione solare totale e 50 serve a proteggere la pelle di viso collo corpo dai raggi del sole e prevenire tumori della pelle melanoma e macchie

Commenti 0Stampa

La crema solare protezione totale e 50 serve alla pelle per difendersi dai raggi UV del sole che favoriscono l'insorgere di tumori, sopratutto se in età infantile e nell'adolescenza, si è stati vittime di numerose scottature.

La crema protezione solare o i filtri solari, servono quindi a prevenire possibili scottature causate dall'eccessiva esposizione ai raggi solari, la formazione di rughe e disidratazione e macchie scure su viso e corpo.

Infatti, l'abbronzatura non è altro che un meccanismo di difesa della pelle che produce maggiore melanina per rendere più resistente e spessa la pelle e proteggerla da scottature, processi del foto-invecchiamento e cancerogeni.

Pertanto, prima di esporsi al sole, sopratutto le prime volte, occorre scegliere la giusta crema solare in base al proprio fototipo, ossia, in alla carnagione, occhi e capelli, predisposizione alle scottature e presenza di nei sul corpo.

 

Crema solare protezione totale estate 2016 a cosa serve?

La crema solare protezione totale estate 2016 serve a proteggere la pelle dall'attacco dei raggi UV dei raggi del sole. Partiamo dal presupposto che alla pelle il sole fa bene, perché bastano pochi minuti di esposizione per far sviluppare al corpo una maggiore produzione di vitamina D, che serve a ossa e al nostro sistema immunitario, favorendo anche la cicatrizzazione dei tessuti e l'ossigenazione delle cellule.

Quando però esponiamo la pelle più di qualche minuto al sole, ecco arrivare gli effetti collaterali che nell'immediato producono sulla pelle le classiche scottature solari, disidratazione, gonfiore, che si trasformano poi in rughe, zampe di gallina, foto-invecchiamento precoce, macchie scure sulla pelle di viso e corpo, variazione dei nei che possono modificarsi e trasformarsi in melanoma, tumori della pelle.

La pelle, pertanto, fin dalle prime esposizioni al sole anche se andiamo al mare per la prima volta a maggio o giugno, va sempre protetta con la crema solare con fattore di protezione SPF inversamente proporzionale al proprio fototipo, inoltre, ricordare che gli autoabbronzanti non servono a preparare la pelle all'esposizione solare, perché sono dei cosmetici che aiutano a colorare il primo strato di pelle senza attivare la produzione di melanina che avviene in profondità nel derma.

 

Protezione solare quale scegliere?

Per scegliere la giusta crema protezione solare occorre innanzitutto determinare a quale fototipo si appartiene, perché il fattore di protezione indicato sulla confezione della crema solare sotto la sigla SPF deve aumentare quando la carnagione è chiara e non scendere mai sotto una specifica soglia anche se si ha una carnagione scura.

Quindi per scegliere il fattore di protezione della crema solare, dobbiamo verificare il nostro fototipo che si ricava da caratteristiche somatiche di ciascuna persona, come ad esempio il colore della carnagione, occhi, capelli e capacità o meno di abbronzarsi o di scottarsi dopo l’esposizione ai raggi del sole.

Fototipo 1: capelli biondi o rossi, occhi e carnagione molto chiara con lentiggini sparse, molta sensibilità al sole e pelle soggetta a scottature che non si abbronza.

Fototipo 2: capelli biondi o castano chiaro, occhi e carnagione chiara con qualche lentiggine, sensibile al sole, si scotta facilmente e si abbronza con difficoltà.

Fototipo 3: capelli castani, occhi chiari o marroni, carnagione bruno-chiara, può scottarsi ma si abbronza.

Fototipo 4: capelli castano scuro o neri, occhi scuri, carnagione olivastra o scura, si scotta sporadicamente e si abbronza con facilità.
Fototipo 5: capelli neri, occhi scuri, carnagione bruno olivastra, si abbronza moltissimo.
Fototipo 6: capelli neri, occhi neri, carnagione nera, non si scotta mai, tipo di razza nera.

 

Crema solare indicazione SPF in base al fototipo:

Crema solare con protezione totale e 50+ è indicata per i fototipo 1 e 2, per chi ha tanti nei e per prevenire macchie scure sulla pelle. Il SPF totale e 50+, è calcolata sulla base della quantità di tempo necessario per produrre una scottatura sulla pelle. Sarebbe bene poi scegliere una crema solare ad ampio spettro, ossia, in grado di proteggere sia dai raggi UVB che UVA.

Crema solare protezione 30 a 15: è il tipo di filtro solare minimo che la maggior parte delle persone dovrebbe utilizzare considerando che un simile SPF è in grado di assorbire il 97% dei raggi UVB.

Crema solare protezione 10 e fino a 6: sono filtri solari a bassa protezione che solo il fototipo 5 e 6, potrebbe utilizzare anche se i rischi di danni causati dal sole, potrebbe essere comunque elevato.

 

Crema solare quali rischi si corrono se non si usa?

I rischi per chi non usa la crema protezione solare sono di danni sulla pelle immediatamente visibili ed effetti collaterali a lungo termine.

Tra quelli immediati, vi è la scottatura solare o ustione, a secondo del grado di danno provocato sulla pelle, che sono una conseguenza dell'eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti del sole, dei cd. raggi UV.

Solitamente il danno legato alle scottature solari, interessa solo lo strato superficiale della pelle in questo caso si parla di ustioni solari di I° grado, che danno origine ad arrossamenti accompagnati a volte anche da febbre.

Le ustioni più gravi sono quelle di II° grado che causano arrossamenti della pelle e bolle d'acqua e quelle di III° grado le più brutte in assoluto, perché provocano danni cellulari, disidratazione della pelle, screpolature con progressiva rottura della pelle che fa aumentare il rischio di infezioni batteriche.

Oltre alla scottatura solare, gli altri rischi provocati dall'eccessiva esposizione solare, sono:

  • danno del foto-invecchiamento precoce, ossia, perdita di elasticità e tonicità della pelle di viso, collo, decoltè ecc,  rughe e solchi labiali.

  • comparsa di elastosi che accelerano la degenerazione cellulare nell'epidermide, la pelle quindi si assottiglia diventando sempre più fragile e secca, assumendo la classica colorazione giallastra.

  • formazioni di cheratosi attiniche chiamate anche cheratosi solari, che si presentano come piccole chiazze ruvide localizzate su viso, torace, dorso, collo, ossia, sulle zone maggiormente colpite dai raggi UV.

  • Melasma che sono piccole macchie scure sulla pelle che si formano sopratutto sulla fronte, naso, guance e labbro inferiore. Tali macchie scure, sono causate da un eccessivo scurimento della pelle per l'alta concentrazione di melanina provocata dall'uso di pillola o farmaci fotosensibili, acne e brufoli, cicatrici o per l'uso di alcuni cosmetici.

  • Melanoma tumori della pelle che aumentano proporzionalmente all'esposizione al sole, maggiori sono le scottature avute da bambini e in da giovani, e maggiore è il rischio di melanoma. Tale rischio, aumenta inoltre con l'interazione di altri fattori come per esempio la carnagione, capelli e occhi chiari e presenza di lentiggini Fototipo 1 e 2, rende più probabile il rischio di melanoma rispetto a chi ha una carnagione scura con capelli e occhi scuri. Un altro fattore, è la familiarità, ossia, se all'interno della famiglia si è verificato già un episodio di melanoma, dato che è statisticamente provato che il 10% dei pazienti affetti da melanoma ha avuto un parente prossimo con la stessa patologia. Altro fattore determinante per il melanoma è la presenza di nei sparsi per tutto il corpo. Se tale numero supera i 100, è probabile che almeno 5 o più nei possano essere atipici, ovvero, con diametro superiore a 6mm, bordo irregolare, colore variegato, caratteristiche queste che indicano che il neo si sta modificando in melanoma.

COPYRIGHT RIMEDISALUTE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Le informazioni riportate negli articoli del sito RimediSalute.it non devono essere considerate sostitutive al parere medico-specialistico. Si raccomanda pertanto di consultare sempre il proprio dottore di fiducia per un attenta e precisa diagnosi dei sintomi e dei rimedi.
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti