Dimagrire velocemente e tanto con il palloncino vegetale nello stomaco

Dimagrire velocemente e tanto con il palloncino vegetale inserito nello stomaco, cos'è e come funziona, quanti chili si riescono a perdere e in quanto tempo

Commenti 0Stampa

Dimagrire velocemente e tanto e magari con poca fatica è il sogno di ogni persona obesa o in sovrappeso, ma quando i chili in eccesso sono tanti e vi è urgenza di eliminare il grasso per problemi cardiovascolari, ossei o di respirazione è possibili ricorrere a trattamenti non chirurgici come il nuovo palloncino gastrico vegetale.

 

Dimagrire velocemente e tanto con il palloncino vegetale:

Il palloncino gastrico vegetale è un trattamento che consente di dimagrire velocemente e tanto, andando ad aumentare il senso di sazietà grazie all'inserimento di un palloncino che viene gonfiato all'interno dello stomaco.

La tecnica del palloncino vegetale è da poco impiegata anche per il trattamento dell'obesità infantile ma utilizzando una nuova metodica, ossia, l'inserimento del palloncino non per via endoscopica ma ingoiando una piccola pallina dal peso di 6 grammi che viene poi gonfiata all'interno dello stomaco mediante l'inserimento dalla bocca di un sottile tubicino dallo spessore di poco meno di un millimetro. 

 

Cos'è e come funziona il palloncino vegetale nello stomaco?

Il palloncino vegetale nello stomaco è stato studiato per consentire un dimagrimento veloce e sicuro nei pazienti obesi e in sovrappeso. Come spiegato dal dottor Francesco De Peppo responsabile della Chirurgia Pediatrica Generale del Bambin Gesù, il palloncino vegetale inserito nello stomaco è stato messo a punto per resistere agli acidi gastrici e per cui non può rompersi. Visti i risultati raggiunti da questa nuova tecnica, fino ad oggi impiegata solo in pazienti adulti, si è deciso di usarla anche per il trattamento dell'obesità infantile. Ma come funziona? Il palloncino endogastrico vegetale viene introdotto nello stomaco mediante una piccola pallina di 6 cm che viene ingoiata direttamente dal paziente. Una volta arrivata nello stomaco, la pallina viene gonfiata  con dell'azoto tramite un piccolo tubicino inserito nella bocca. Una volta gonfiato, il palloncino gastrico è presto e il paziente può tornare a casa. Successivamente al primo palloncino, può essere  inserito un secondo palloncino fino ad un massimo 3, qualora non si verifichi abbastanza perdita di peso. Tra i vantaggi della tecnica del palloncino gastrico vegetale oltre al fatto di non sentire alcun peso o ingombro nello stomaco come era prima con la vecchia tecnica, c'è soprattuto quello di poter utilizzare il nuovo palloncino vegetale non solo su pazienti con indice di massa corporea superiore a 35 IMC ma anche per quelli che si trovano nella fascia tra 30 e 35 IMC. 

Attenzione: IMC è l'indice di massa corporea che misura la percentuale di massa grassa rispetto al peso, l'altezza e all'età. 

 

Quanto si può dimagrire con il palloncino vegetale nello stomaco?

Con la tecnica del palloncino gastrico vegetale si può dimagrire dai 10 kg ai 20-25 chili da perdere nell'arco di 6 mesi, superato questo periodo il palloncino può essere rimosso. In sostanza, il palloncino vegetale consente di dimagrire perché va a ridurre la sensazione della fame, per cui il regime alimentare fissato dal medico, può essere seguito senza difficoltà sia da adulti che dai bambini.  

Ricordiamo che nelle prime due settimane dall'inserimento del palloncino il paziente deve seguire una dieta liquida con un graduale reinserimento dei cibi solidi via via che lo stomaco si abitua al palloncino. Pertanto, va seguita una rigorosa dieta per la prima settimana e poi un regime alimentare con un apporto calorico tra le 800 e le 1000 kcal secondo le prescrizioni mediche personalizzate, integrazione di vitamine e sali minerali. Successivamente il paziente invece deve seguire una regola fondamentale, ossia, smettere di mangiare non appena lo stomaco è pieno e quindi si è sazi. Inoltre, tutti gli alimenti ingeriti devono essere masticati tantissimo e si deve mangiare molto lentamente, non si deve bere durante il pasto ma solo dopo 1 ora che si è finito di mangiare e sono assolutamente vietate le bevande gasate (acqua compresa).

 

Palloncino vegetale controindicazioni e effetti collaterali:

La tecnica del palloncino vegetale endogastrico introdotto per mezzo di una piccola pallina da deglutite, sebbene non presenti particolari tipi di controindicazioni ed effetti collaterali è possibile che possa comunque causare meteorismo, nausea e vomito, gastrite, ulcera deudenale e reflusso gastro esofageo. 

 

Dieta dopo posizionamento palloncino vegetale stomaco:

La dieta dopo il posizionamento del palloncino vegetale nello stomaco con la tecnica endogastrica che il paziente deve seguire nella prima settimana consiste in una dieta solo liquida. Per cui, possono essere assunti solo succhi di frutta, tè e caffè decaffeinato, brodo e minestre, yogurt magro e latte scremato. I liquidi devono essere assunti non più di 100 ml per volta fino ad un massimo di 2 litri al giorno. Inoltre, vanno bevuti a piccoli sorsi, facendo pause di 10 minuti se si cambia il liquido.

Durante la seconda settimana, vengono reintrodotti i cibi solidi morbidi come purè e passati, nei primi tre giorni, poi successivamente anche uova, yogurt, formaggio molle , tonno in scatola. Dalla terza settimana in poi, il paziente, può tornare a consumare i cibi solidi ricordando di bere sempre molta acqua per mantenere pulito il palloncino. Nei successivi 6 mesi è importante seguire sempre una dieta bilanciata costituita da frutta e verdura, cereali, latticini, carne e pesce, evitando cibi troppo grassi e fritti, alcolici e sale. Alla dieta va associata anche un po' di attività fisica perché aiuta a dimagrire più velocemente.

COPYRIGHT RIMEDISALUTE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Le informazioni riportate negli articoli del sito RimediSalute.it non devono essere considerate sostitutive al parere medico-specialistico. Si raccomanda pertanto di consultare sempre il proprio dottore di fiducia per un attenta e precisa diagnosi dei sintomi e dei rimedi.
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti