Psoriasi cure 2017: Nuovo farmaco biologico cos’è e come funziona?

Nuove cure 2017 contro la psoriasi a chiazze con nuovo farmaco biologico anti-psoriasi, trattamento pelle per ridurre l'infiammazione e la desquamazione

Commenti 0Stampa

Psoriasi cure 2017: Disponibili alla commercializzazione in Italia, due nuovi farmaci approvati dalla Comunità Europea per il trattamento della pelle affetta da questa patologia.

Il primo è un farmaco anti-psoriasi biologico, il secondo invece è per via orale.

Un'ottima notizia quindi per circa 125 milioni di persone, di cui 3,7 milioni solo in Europa che soffrono di questo disturbo che nelle forme più gravi, può diventare addirittura molto invalidante.

Vediamo quindi cos'è la psoriasi, come si manifesta nei sintomi e all'occhio umano, e come funzionano le nuove cure 2017 e terapie.

 

Psoriasi cos’è?

Cos'è la psoriasi? La Psoriasi è una malattia non contagiosa che colpisce la pelle, in varie zone del corpo. Tale patologia, si manifesta con piccole chiazze rossastre, dalla forma tondeggiante, sulle quali si vengono a formare delle squame di color bianco - argento, causate dal ricambio cellulare localizzato soprattutto a livello dell’epidermide.

Ed è proprio la desquamazione della pelle, la caratteristica principale della psoriasi, dal momento che nei soggetti colpiti dalla malattia, il ricambio cellulare è 5 - 10 volte superiori rispetto alla norma. In altre parole, la pelle si secca e si sfoglia molto più velocemente di quanto dovrebbe fare di solito.

 

Come si manifesta la psoriasi?

La psoriasi si manifesta sulla pelle con chiazze che vanno dal colore rosa al rossastro, sono un po’ rialzate e con abbondante desquamazione.

Le chiazze poi, possono comparire in qualsiasi parte del corpo compresi mani, unghie e piedi, ma per lo più si localizzano sul cuoio capelluto, gomiti e ginocchia e regione ambo-sacrale. Esistono poi, dei fattori esterni ed esterni che possono aumentare il disturbo, come ad esempio l’assunzione di determinati farmaci per pressione alta o la cura della depressione, infezioni, disidratazione della pelle, stress e variazioni climatiche,

Psoriasi: perché compare? La malattia cronica autoimmune, è causata da un’anomala risposta immunitaria, in particolare dei linfociti T della pelle che si riproducono in modo eccessivo. 

All’origine della patologia, possono esserci però anche fattori genetici ereditari, ed è per questo che già da diversi anni, i ricercatori stanno studiando famiglie affette da psoriasi, al fine di riuscire ad individuare i geni responsabili dell’anomalia.

 

Psoriasi Cure 2017 nuovo farmaco biologico:

Dal momento che una cura specifica contro la psoriasi non c’è, di solito il dermatologo valutata la gravità del disturbo, l’estensione della zone del corpo colpita, il tipo di psoriasi a placche, guttata, pustolosa, invertita, eritrodermica prescrive una terapia a base di farmaci da applicare direttamente sulla zone colpita, una terapia a base di raggi luminosi chiamata fototerapia, oppure farmaci da assumere per via orale o tramite iniezione. 

Prima di vedere quali i nuovi trattamenti per la cura di questa malattia non contagiosa, è bene ricordare che se si ha un dubbio o si vedono comparire macchie biancastre sulla pelle che tendono a sfogliarsi, di rivolgersi immediatamente al proprio medico curante o ad un medico dermatologo di propria fiducia.

Questo perché, è buona norma non sottovalutare mai le risposte che ci fornisce quotidianamente il nostro organismo.

Detto ciò, passiamo finalmente ad illustrare le nuove cure psoriasi 2017:

Psoriasi cure 2017: è disponibile alla commercializzazione in Italia, un nuovo farmaco biologico per la cura della psoriasi. Tale farmaco, è a base di SecuKinumab un anticorpo umano, in grado di neutralizzare ed inibire la citochina proiffiammatoria interleuchina IL-17A, responsabile di eritemi, indurimento e desquamazione, presenti nelle chiazze delle psoriasi a placche. 

Il nuovo farmaco biologico contro la psoriasi, approvato dalla Comunità Europea è indicato sopratutto per il trattamento della psoriasi a placche di grado da moderato a severo, laddove la terapia topica non è più efficace. Tra gli effetti indesiderati e collaterali, seppur di breve intensità, sono stati registrati su 1 paziente su 10, e per lo più di carattere respiratorio come raffreddori e congestione nasale, per questo motivo il medicinale non deve essere prescritto a soggetti con gravi infezioni attive.

Approvato dalla CE, anche un altro nuovo farmaco anti-psoriasi molto indicato per la cura di:

  • psoriasi a placche da moderata a grave in pazienti che non hanno risposto in modo adeguato o non possono utilizzare altri trattamenti per via orale o tramite iniezione altri medicinali indicati per il trattamento della psoriasi.
  • artrite psoriasica attiva che si verifica quando l'infiammazione articolare si associa alla psoriasi. Il medicinale è quindi indicato in pazienti che non possono assumere o che hanno avuto una risposta negativa o insufficiente ad altri trattamenti antireumatici.
COPYRIGHT RIMEDISALUTE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Le informazioni riportate negli articoli del sito RimediSalute.it non devono essere considerate sostitutive al parere medico-specialistico. Si raccomanda pertanto di consultare sempre il proprio dottore di fiducia per un attenta e precisa diagnosi dei sintomi e dei rimedi.
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti