Tappo di cerume orecchie? Sintomi cause rimedi e come toglierlo?

Il tappo di cerume nelle orecchie ha diversi sintomi orecchie tappate, dolore, temporanea sordità ma perché si forma e quando? Cause e rimedi per toglierlo

Commenti 0Stampa

Il tappo di cerume nelle orecchie, chiamato anche pienezza auricolare, si forma a causa dell'eccessiva produzione e ristagno del cerume nel condotto uditivo. Le cause che provocano la pienezza auricolare possono essere diverse come diversi sono i rimedi per toglierlo.

E' importante però subito sottolineare che l'iperproduzione di cerume e la conseguente formazione del tappo non è grave ma deve essere comunque sempre trattata con specifici accorgimenti seri ed efficiaci che hanno lo scopo di togliere o sciogliere il cerume in eccesso. 

 

Tappo di cerume nelle orecchie cos'è?

Molte volte capita che le orecchie tappate siano causate da un accumulo eccessivo di cerume nel condotto uditivo, che forma il cd. tappo di cerume.

Il tappo di cerume o pienezza auricolare, non è grave ma deve essere curato per eliminare i sintomi e possibili infiammazioni dell'orecchio.

L'iperproduzione di cerume, si ha quindi quando il soggetto produce un'eccessiva quantità di cerume che si accumula nel condotto uditivo. In situazioni di normalità, invece, il cerume è molto utile perché consente di mantenere sempre umido e lubrificato il condotto uditivo oltre al fatto, che avendo un pH acido, agisce come protezione dagli agenti esterni come funghi e batteri.

 

Tappo di cerume orecchie sintomi:

La produzione eccessiva di cerume nelle orecchie, cd. tappo di cerume, può far insorgere fastidiosi disturbi dell’udito, che non vanno trascurati perché potrebbero portare ad un'infiammazione del condotto uditivo.

I sintomi più comuni che si manifestano quando le orecchie tappate sono causate dal cerume sono:

Sintomi tappo di cerume:

  • dolore interno all'orecchio;

  • sensibilità e prurito;

  • pus o altre secrezioni dall’orecchio;

  • arrossamento e gonfiore sia interno che esterno;

  • sordità temporanea e rumori ovattati.

Altri sintomi associati al tappo di cerume e delle orecchie tappate e acufene sono:

  • stati febbrili e influenzali come febbre, tosse, mal di testa e mal di gola;

  • raffreddori con conseguente congestione delle vie aeree;

  • bronchiti;

  • cervicale;

  • iperproduzione di cerume.

 

Tappo di cerume perché e quando si forma? Cause:

Il tappo di cerume o pienezza auricolare, si forma quando vi è una iperproduzione di cerume che provoca la sensazione di orecchie tappate, dolore e rigonfiamento auricolare.

Le cause del tappo di cerume, possono essere diverse ad esempio:

A causa di ripetuti bagni in mare o in piscina, perché l’acqua, entrando e ristagnando nelle orecchie può causare un rigonfiamento del tappo di cerume, che assorbendo acqua aumenta di volume amplificando la sordità temporanea e gli altri sintomi.

A causa di un raffreddore o di un'influenza che provocano catarro, che si somma al fastidio dato dal tappo di cerume.

A causa dell'uso prolungato dei tappi per le orecchie, in quanto il loro utilizzo può portare ad una compressione del cerume, che via via si accumula dando origine alla formazione del tappo di cerume.

A causa di fattori ereditari o genetici che rendono alcuni soggetti più sensibili all'iperproduzione di cerume, a volte perché semplicemente il condotto uditivo è troppo stretto.

A causa di determinati sport come il nuoto, la pallanuoto e in generale tutte le pratiche sportive che si svolgono in acqua. Questo perché, immergersi ripetutamente in piscine con acqua fredda può favorire la formazione all'interno del condotto uditivo, di piccole protuberanze ossee benigne che ostacolano la lubrificazione e la conseguente fuoriuscita naturale del cerume che si comprime dando vita al tappo di cerume.

A causa di dermatiti che colpiscono l'interno dell'orecchio, portando la pelle ad ispessirsi e a desquamarsi, ostacolando così il passaggio del cerume.

A causa della masticazione non corretta dovuta ad un assetto della mascella non perfetto, che può provocare una deviazione del condotto uditivo e favorire l'accumulo di cerume.

 

Rimedi tappo di cerume: come toglierlo?

Come si toglie il tappo di cerume quali rimedi?

1) Tra i rimedi orecchie tappate da cerume, ce ne è unper ridurre ed eliminare la pienzazza auricolare, ed è quello di provare ad usare i famosi coni di cera da comprare in farmacia al costo di circa 7-10 euro.

I coni, vanno introdotti nel canale uditivo perpendicolari all'orecchio e accessi con un accendino.

La lenta combustione dei coni, scioglie il cerume e lascia il condotto uditivo pulito ma bisogna fare molta attenzione perché potrebbero anche essere pericolosi provando un surriscaldamento del condotto o un blocco.

2) Un altro rimedio forse migliore del cono, è comprare in farmacia delle gocce emollienti per orecchio che, hanno lo scopo di ammorbidire il tappo di cerume  e consentirne la sua eliminazione.

Altrimenti si può provare ad introdurre nell'orecchio alcune gocce di olio di oliva riscaldato o oli essenziali sempre caldi ma anche qui la precauzione è d'obbligo perché si rischia di bruciare il condotto uditivo e peggiorare la situazione.

3) Sicuramente l'unico e miglior rimedio per togliere il tappo di cerume e tornare a sentire, è rivolgersi direttamente ad un otorino che attraverso l'impiego di un'apposita strumentazione, rimuove il tappo di cerume.

Un consiglio, un paio di giorni prima dell'appuntamento con l'otorino, è necessario trattare tutti e due le orecchie, e non solo quello tappata, con le gocce emollienti, in modo da evitare di sentire dolore durante l'estrazione del cerume e la fuoriuscita di sangue.

Inoltre, se si è predisposti alla formazione di cerume, è consigliato usare sempre delle gocce emollienti come la cerulisina o il debrox che aiutano a mantenere fluido e pulito il condotto uditivo riducendo così il rischio di accumulo del cerume e le conseguenze di acufene e di pienezza auricolare. 

COPYRIGHT RIMEDISALUTE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Le informazioni riportate negli articoli del sito RimediSalute.it non devono essere considerate sostitutive al parere medico-specialistico. Si raccomanda pertanto di consultare sempre il proprio dottore di fiducia per un attenta e precisa diagnosi dei sintomi e dei rimedi.
Ti è piaciuto questo articolo?


Lascia un commento
Contatti